Mercoledi, 14 novembre 2018
Regione Toscana

Agcom, un registro per i contenziosi sui servizi postali e di rete

Agcom ha istituito il registro degli organismi Adr, “Alternative dispute resolution”, che metteranno a disposizione dei consumatori nuove alternative per la risoluzione delle controversie nell'ambito delle comunicazioni elettroniche e postali.

Potranno chiedere l’iscrizione all’elenco, che sarà tenuto direttamente dall’Agcom, tutti gli organismi che svolgono attività conciliativa in materia di consumo e che dimostrino di rispondere sia ai requisiti generali prescritti dal decreto 130/2015, sia a quello specifico sulla competenza nelle materie di interesse dell’Autorità, introdotto dal Regolamento sulla tenuta dell’elenco.

I nuovi organismi, quindi, offriranno ai consumatori la possibilità di affrontare in maniera efficace, rapida e poco costosa, tutte le tipologie di controversie non rientranti nell’ambito di applicazione delle disposizioni sul tentativo obbligatorio di conciliazione, per il quale gli utenti continueranno a rivolgersi ai Corecom, alle Negoziazioni paritetiche o alle Camere di Commercio, secondo l’attuale procedura.

Inoltre, tramite i nuovi organismi, che rientreranno in un network europeo, grazie al ruolo svolto dalla Commissione europea, i consumatori potranno agevolmente affrontare anche le controversie con operatori di altri Paesi. Si tratta di un vantaggio notevole, sia nel settore dei servizi postali (nel caso delle spedizioni internazionali), sia in vista del c.d. Connected continent, ovvero della creazione di un mercato unico europeo delle comunicazioni, ove gli utenti saranno liberi di stipulare contratti con operatori di qualsiasi Paese dell’Unione.

L’elenco degli organismi sarà disponibile sul sito web dell’Agcom e verrà notificato alla Commissione europea, tramite il Mise, entro il 9 gennaio 2016, e poi periodicamente, per l’inserimento nel network europeo di tali organismi.