Giovedi, 19 aprile 2018
Regione Toscana

Accertamento con adesione, istruzioni per l'uso

Il redditometro è uno dei temi caldi della campagna elettorale, ma in attesa delle decisioni del futuro governo gli accertamenti fiscali proseguono. Di recente si è parlato dell’accertamento con adesione, un’opportunità per il contribuente che ha subito ispezioni, verifiche o ricevuto un avviso di accertamento, di aprire un dialogo con il fisco per presentare nuovi dati o elementi e ridiscutere così la propria posizione.

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una brochure con tutte le informazioni utiliPossono aderire tutti i contribuenti: persone fisiche, associazioni professionali, società di capitali e sostituti d’imposta. L’accertamento con adesione vale per tutte le imposte dirette e le più importanti imposte indirette, indipendentemente dall’importo della contestazione.

Se il contraddittorio va a buon fine si evita un lungo contenzioso e le sanzioni vengono ridotte a un terzo del minimo. Facciamo un esempio: se il fisco contesta l’evasione di un’imposta pari a 100 la richiesta di pagamento può arrivare a 300, perché la sanzione viene raddoppiata. Se però il contribuente fornisce nuovi documenti in base ai quali l’evasione iniziale viene ridefinita, per esempio a 90, l’importo complessivo da versare per sanare la propria posizione sarà di 120, grazie alla riduzione della sanzione.

Se poi ci sono dei rilievi penali il pagamento delle somme dovute è una circostanza attenuante. Le sanzioni penali vengono ridotte fino a un terzo e quelle accessorie non vengono applicate.

Per avviare la procedura la domanda deve essere consegnata direttamente o inviata tramite posta all’ufficio che ha emesso l’atto di accertamento, entro 60 giorni dalla notifica. Ovviamente se si richiede l’accertamento con adesione non si può presentare ricorso contro l’atto. Entro 15 giorni dal ricevimento della domanda l’ufficio invita il contribuente a comparire. Se la parti si trovano d’accordo si stipula un atto che indica gli elementi e le motivazioni dell’adesione, le imposte, le sanzioni e gli interessi. La procedura si chiude col versamento degli importi dovuti.

Le somme si possono versare in un’unica soluzione, entro 20 giorni dalla stipula dell’accordo, oppure in 8 rate trimestrali. Le rate salgono a 12 se l’importo totale supera i 51.645 €. Il pagamento si effettua coi modelli F23 o F24, a seconda del tipo di imposta.