Martedi, 6 dicembre 2022
Regione Toscana

Gioco d’azzardo, accordo tra Regione e Confcommercio per la prevenzione e il contrasto

Prevenire e contrastare il gioco d’azzardo patologico sono i principali obiettivi dell’Accordo di collaborazione tra Regione Toscana e Confcommercio siglato a Firenze, in Palazzo Strozzi Sacrati, sede della presidenza regionale. L’intesa fa seguito al confronto avviato nei mesi scorsi dagli Uffici regionali competenti per la cura e la prevenzione delle dipendenze e quelli in materia di formazione con le associazioni di categoria, che rappresentano gli enti gestori, e prende le mosse dalle disposizioni della legge regionale 57 del 18 ottobre 2013, che prevede l’obbligo per i gestori e il personale di centri scommesse, sale e spazi gioco con vincita in denaro, di partecipare a corsi di formazione e aggiornamento su questa problematica, organizzati dalle stesse associazioni di categoria.

L’accordo è finalizzato a regolare il gioco legale, a prevenire e a contrastare il gioco illegale e il disturbo da gioco d’azzardo patologico attraverso: la promozione della formazione obbligatoria per i gestori ed il personale dei centri scommesse e spazi per il gioco con vincita in denaro in via esclusiva e, per i gestori, coadiutori, assistenti o dipendenti; il monitoraggio del fenomeno del gioco illegale; la collaborazione con Asl, Rete Ascolto regionale, Servizi delle Dipendenze ed enti locali, per quanto riguarda le attività di prevenzione del disturbo da gioco d’azzardo, tutela delle categorie a rischio e delle fasce più deboli della popolazione, informazione e comunicazione sui rischi del gioco d’azzardo patologico, monitoraggio del fenomeno e dei comportamenti a rischio, attivazione di iniziative di comunicazione e di campagne di informazione sul tema delle dipendenze da gioco d'azzardo patologico, predisposizione di specifiche misure di prevenzione del disturbo da gioco d'azzardo da attuare a cura degli esercenti aderenti, tra cui la riduzione della pubblicità indiscriminata e incontrollata all’interno e all'esterno degli esercizi commerciali.