Martedi, 6 dicembre 2022
Regione Toscana

Tutela del consumatore e dell’ambiente, le buone pratiche in Europa

Raggiungere la neutralità climatica entro il 2050: è questo l’ambizioso obiettivo che l’UE si è posta nell’ambito del Green Deal europeo. Un obiettivo che si traduce nella realizzazione di campagne e iniziative per la tutela del consumatore, dell’ambiente e a favore della sostenibilità.

In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti del Consumatore, che ricorre il 15 marzo, il Centro Europeo Consumatori Italia illustra le iniziative più originali adottate in Europa, dall’ormai celebre app danese “Too Good To Go” al trasporto pubblico gratuito in Lussemburgo.

Il Centro Europeo Consumatori parte dall’Austria, impegnata nel tentativo di ridurre tonnellate di rifiuti elettronici con i buoni per la riparazione: con questi voucher, i consumatori possono coprire la metà dei costi di riparazione, sino ad un massimo di 200€. L’Austria incoraggia così i cittadini ad investire denaro nelle riparazioni piuttosto che nell’acquisto di nuovi dispositivi. Il programma, che ha registrato dal 2020 un grande successo nella capitale Vienna, è ora stato esteso all’intero territorio nazionale per il 2022.

In Belgio, invece, nei negozi dell’usato delle catene “De Kringwinkel” o “Les Petits Riens”, con punti vendita dislocati in tutto il Paese, i cittadini possono disfarsi di mobili, utensili per la cucina o di altri oggetti che non utilizzano più oppure acquistarne di altri a prezzi convenienti.

Mentre, in Bulgaria, una catena di abbigliamento incoraggia i consumatori a portare i loro vestiti usati nei punti vendita; il commerciante si preoccupa di riciclarli o destinarli a nuovo uso e per ogni consegna di abiti usati, i clienti ricevono un buono da riscattare all’acquisto successivo.

In Croazia troviamo la piattaforma online “Burza otpada” dedicata alle aziende: promuove lo scambio di informazioni sull’offerta e la domanda di materie prime secondarie derivanti da processi di produzione o di gestione dei rifiuti. Il progetto, lanciato nel 2017, ha un impatto indiretto sui consumatori: i suoi obiettivi, infatti, infatti quello di ridurre lo smaltimento dei rifiuti e quello di adottare un approccio sostenibile alla gestione delle risorse primarie.

Cipro, invece, promuove incentivi per l’acquisto di biciclette nuove e sussidi per la riparazione e la manutenzione di quelle vecchie. Il Paese, inoltre, ha vietato la fornitura gratuita di borse di plastica nei punti vendita.

Chiudiamo con la Danimarca, che ha lanciato l’ormai famosa app “Too Good To Go“, per combattere lo spreco alimentare. Ristoranti e negozi mettono a disposizione gli avanzi di cibo invenduto o i pasti che altrimenti butterebbero; i clienti possono controllare sull’applicazione il cibo disponibile nella loro zona e ritirarlo a prezzi molto convenienti. Un vero vantaggio per i consumatori, per i venditori e, conseguentemente, per l’ambiente.

Diritti dei Consumatori: energia e risparmio tra i temi più trattati dalle Associazioni