Domenica, 14 agosto 2022
Regione Toscana

Quanti rifiuti urbani vengono prodotti in Toscana?

Il rapporto Ispra Rifiuti urbani 2021, recentemente pubblicato, mette in evidenza che nel 2020, anno d’inizio della Pandemia, la produzione di rifiuti urbani in Toscana ha subito un calo, mentre la raccolta differenziata ha continuato a crescere.

Se nel 2019 la produzione di rifiuti urbani, nella nostra regione, si era attestata a 898.625 tonnellate, nel 2020 ha raggiunto 809.797 tonnellate. Tradotto in quantitativi generati da ciascun cittadino/a significa circa 617 Kg nel 2019 e 587 Kg nel 2020, 30 Kg in meno rispetto all'anno precedente e posizionando la nostra regione, dopo molti anni, sotto la soglia dei 600 Kg abitante anno.

La media nazionale per il 2020, invece, si è attestata a 488 Kg abitante, quindi ogni concittadino/a della nostra regione ha prodotto, nell'anno di inzio della Pandemia, 99 kg di rifiuti urbani in più rispetto alla media nazionale.

Per quanto riguarda i dati relativi alle singole province toscane, la situazione si presenta variegata: Massa Carrara, Lucca, Livorno e Grosseto rimangono al di sopra dei 600 Kg abitante annuo mentre Pistoia fa registrare il dato più basso, 544 Kg abitante anno, seguita da Pisa, 552, Kg abitante anno, e Firenze, 558 Kg abitante anno. Il capoluogo toscano, destinazione turistica per eccellenza, passa da una produzione pro capite pari a 604, nel 2019, a 558 Kg abitante anno nel 2020, con una differenza di 46 Kg anno per ciascun cittadino fiorentino.