Martedi, 18 gennaio 2022
Regione Toscana

L’Olio extravergine “Olionostrum 2021” si presenta: un'eccellenza fra biodiversità e innovazione

Si chiama Olionostrum 2021 ed è il frutto del Progetto Olionostrum: Biodiversità e innovazione per un olio extra vergine di oliva di qualità cofinanziato dal Piano di sviluppo rurale della Regione Toscana 2014/2020.

Il marchio è il risultato di un lavoro durato quasi tre anni che ha coinvolto il Comune di Bucine, l’Università di Firenze Dipartimento Dagri, il Cnr Ibe di Firenze, olivicoltori, aziende e professionisti.

Grazie al progetto si è costituita la rete d’impresa Agricolae oleum che da questa campagna olearia potrà commercializzare l’extravergine con il marchio Olionostrum prodotto con olive coltivate esclusivamente nella Valdambra e con tecnologie innovative di estrazione messe a punto nel nuovo frantoio pensato, progettato e realizzato nell’ambito del progetto.

Un’annata difficile per l'olio, con una riduzione sulla produzione di oltre il 60%; pochissimo prodotto solo 80 kg sono diventati Olionostrum 2021 a garanzia di un olio Evo di estrema qualità ottenuto seguendo un disciplinare interno di produzione adottato dalle aziende della rete Agricolae oleum.

Il disciplinare punta su due aspetti principali: da un lato la provenienza delle olive esclusivamente del territorio comunale di Bucine: olive non solo delle classiche cultivar toscane, ma anche dai genotipi autoctoni della Valdambra e dall’altro il rispetto non solo di alcuni parametri chimici, ma soprattutto del vincolo volontario imposto nel disciplinare, valutato da un panel test di assaggiatori di olio professionisti: solo l’extravergine che ottiene un punteggio, per caratteristiche organolettiche, di almeno 85 su 100 ha la possibilità di fregiarsi del marchio Olionostrum.