Mercoledi, 22 settembre 2021
Regione Toscana

Alitalia, stop ai voli dal 15 ottobre. La compagnia offre rimborso o modifica del biglietto

Dalla mezzanotte del 25 agosto Alitalia non vende più biglietti per voli dal 15 ottobre 2021. A darne notizia è la compagnia, la quale avvisa che – contestualmente –invierà una comunicazione tempestiva e diretta, tramite e-mail, ai clienti che hanno già acquistato voli in partenza dal 15 ottobre.

Al fine di garantire la piena tutela dei consumatori – spiega – verrà data la possibilità di sostituire il volo con un altro equivalente, gestito dalla Compagnia entro il 14 ottobre; altrimenti sarà possibile ricevere il rimborso integrale del biglietto”.

Voli Alitalia, le istruzioni per la gestione dei biglietti

Come spiegato sul sito Alitalia (qui le informazioni complete) la compagnia offre assistenza e rimborso ai passeggeri in possesso di un biglietto per i voli cancellati, acquistati:

  • entro e non oltre il 24 agosto 2021;

  • con data di viaggio dal 15 ottobre 2021;

  • per/da qualsiasi destinazione/origine in tutto il mondo

Queste le forme di assistenza e rimborso offerte:

  • modifica della prenotazione (rebooking o rerouting – ovvero modifica dell’itinerario per raggiungere la destinazione originaria o tornare al punto di origine del viaggio), senza integrazione tariffaria, su volo utile per il passeggero, entro il 14 ottobre 2021 (ultima data di rientro);

  • modifica della destinazione, con eventuale integrazione tariffaria, per viaggiare entro il 14 ottobre 2021 (ultima data di rientro). Non è previsto rimborso di differenze tariffarie.

Il cambio di destinazione – specifica – sarà possibile solo:

  • per biglietti nazionali, su destinazioni nazionali;

  • per biglietti internazionali, su destinazioni internazionali.

Nel caso di impossibilità o non interesse alla riprogrammazione, i passeggeri potranno richiedere il rimborso integrale, senza penale, del prezzo al quale il biglietto è stato acquistato o del valore residuo del biglietto per il viaggio non ancora effettuato.

Federconsumatori chiede un tavolo con le Associazioni dei consumatori