Mercoledi, 22 settembre 2021
Regione Toscana

La Commissione europea adotta la strategia “inquinamento zero”

Inquinamento zero per aria, acqua e suolo. La Commissione europea ha adottato la strategia inquinamento zero, un piano d’azione che «definisce una visione integrata per il 2050: un mondo in cui l’inquinamento è ridotto a livelli che non siano più dannosi per la salute umana e gli ecosistemi naturali, comprese le misure per realizzare tale visione», dice Bruxelles.

L’esecutivo fissa diversi obiettivi al 2030 fra cui quello di ridurre del 55% le vittime premature dovute allo smog, dimezzare i rifiuti di plastica in mare, ridurre del 30% le microplastiche rilasciate nell’ambiente, migliorare la qualità del suolo.

Inquinamento zero per aria, acqua e suolo

Il piano d’azione si chiama  “Azzerare l’inquinamento atmosferico, idrico e del suolo”, è uno dei principali obiettivi del Green Deal europeo e sarà il tema principale della Settimana verde dell’Ue di quest’anno, evento annuale sulla politica ambientale che si svolgerà all’inizio di giugno.

L’inquinamento minaccia l’ambiente, la biodiversità e la salute delle persone. Colpisce spesso le fasce più vulnerabili, chi vive vicino a siti contaminati o in zone molto trafficate, anziani, bambini e fragili che più di altri risentono delle conseguenze di un ambiente insalubre o inquinato.

Secondo una recente relazione dell’AEA su salute e ambiente, nell’Unione europea, nonostante i miglioramenti degli ultimi decenni, ogni anno ci sono oltre 400 mila decessi prematuri, anche per tumori, che possono essere attribuiti all’inquinamento. E oltre 6,5 milioni di casi di disturbi cronici del sonno riconducibili al rumore.