Lunedi, 25 marzo 2019
Regione Toscana

Scuola, al via le iscrizioni online. Tutte le istruzioni

Oggi parliamo di scuola. Anche quest’anno l’iscrizione dei propri figli può essere fatta solo online. La procedura è obbligatoria per chi deve iscrivere i propri figli nelle prime classi della scuola primaria, secondaria di primo grado o secondaria di secondo grado. Per usare la terminologia più classica, elementari, medie e superiori. Non è una novità, la nuova procedura aveva debuttato l'anno scorso. Per le scuole dell’infanzia, invece, l’iscrizione si fa ancora con la classica procedura cartacea.

Il periodo utile per fare l’iscrizione online va dal 3 al 28 febbraio, quindi la procedura è attiva da ieri. Per fare l’iscrizione bisogna registrarsi sul sito www.iscrizioni.istruzione.it, dove si trovano tutte le informazioni necessarie, oltre a una serie di filmati che spiegano come fare tutte le operazioni: da «Come registrarsi?» a «Come presentare la domanda?» fino a «Come seguire la domanda?»

Se si hanno dei dubbi sulla scuola da scegliere si può consultare l’apposita pagina dedicata, dove si trovano informazioni su tutti gli istituti scolastici. E per evitare di sbagliare la scelta dell'indirizzo della scuola superiore è stato messo in campo un apposito sito per l'orientamento.

Una volta che ci si è iscritti basta seguire la procedura indicata sul sito. Per la registrazione servono i dati personali, carta d’identità e codice fiscale, e un indirizzo e-mail valido.

Il modulo di domanda è diviso in due sezioni: nella prima vanno inseriti i dati anagrafici del ragazzo/a e quelli della scuola, nella seconda vengono richieste alcune preferenze rispetto ai servizi offerti: mensa, trasporto, e così via. Una volta inoltrata la domanda, si riceverà una e-mail di conferma da parte della scuola.

Chi non ha il computer, o magari abita in una zona dove la connessione è lenta, può contattare direttamente la scuola prescelta, che provvederà all’iscrizione online per conto dei genitori.‎

In alternativa ci si può rivolgere alla locale biblioteca comunale oppure all’Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune, che potrà indicare uno dei punti di accesso assistiti ai servizi (PAAS) presenti sul territorio, reperibili anche online tramite un sistema di georefenziazione. Si tratta di un servizio della Regione Toscana pensato per fornire aiuto in situazioni del genere.

Un’ultima importante avvertenza. Ieri sono arrivate tantissime domande, ma è inutile fare le corse, perché le domande non verranno considerate in ordine di priorità e non si sarà penalizzati neanche se si procede all’iscrizione l’ultimo giorno utile.