Domenica, 11 aprile 2021
Regione Toscana

Raccolta differenziata, 3,5 mln nel triennio 2021-23 per premiare i comuni virtuosi

Il sistema premiale per i comuni più ‘ricicloni’ annunciato a fine 2020 prende corpo. La giunta regionale ha infatti approvato una delibera presentata dall’assessora all’ambiente Monia Monni che mette a disposizione 3,5 mln di euro per il triennio 2021-2023 per incentivare i comuni toscani ad aumentare la raccolta differenziata di rifiuti ma anche per sostenerne progetti e azioni tesi a creare filiere di riciclo.

Il sistema mette a disposizione delle tre Autorità ATO (Costa, Centro e Sud) 3,5 mln di euro per triennio 2021-2023. Di questi, 300 mila euro l’anno saranno destinati ai comuni che si siano contraddistinti per i migliori risultati nella raccolta differenziata nell'anno precedente, in termini assoluti e di differenziale, tenuto conto anche di aspetti di tipo qualitativo. I contributi dovranno essere impiegati per la realizzazione di interventi o azioni finalizzati ad investimenti in materia di economia circolare. Come ad esempio: servizi di raccolta dei piccoli Raee, realizzazione, ampliamento o adeguamento di centri del riuso e/o di centri per la preparazione al riutilizzo, installazione di fontanelli per l’erogazione di acqua di alta qualità a consumo libero per l’utenza, nonché distribuzione di borracce, da realizzarsi in ambiti di competenza dei comuni, installazione di eco-compattatori per la raccolta di bottiglie in pet, lattine, flaconi in hdpe e pp, riduzione della produzione rifiuti attraverso la gestione sostenibile di manifestazioni pubbliche, feste e sagre, acquisto di compostiere per compostaggio domestico o compostiere elettriche di comunità, acquisto di distributori automatici di sacchi per la raccolta domiciliare.