Sabato, 6 marzo 2021
Regione Toscana

Sul mercato dell’energia ancora problemi per i consumatori

Il mercato dell’energia non è facile per i consumatori. Anzi, è pieno di criticità. I problemi che incombono sulle famiglie sono adesso almeno due: la fine del mercato tutelato, prevista per gennaio del prossimo anno, e il ritardo sull’avvio dei bonus sociali automatici.

La campagna di informazione sulla fine del mercato tutelato dell’energia è in ritardo, denuncia Federconsumatori, così come l’automatismo dei bonus sociali energia per chi ne ha diritto. L’associazione ha chiesto un incontro urgente all’Autorità per energia reti e ambiente, l’Arera.

L’energia e la fine del mercato tutelato

Prosegue infatti il percorso verso l’abolizione del mercato di maggior tutela nel settore dell’energia. A gennaio di quest’anno è stata la volta delle Pmi. Le famiglie dovranno invece passare al mercato libero dell’energia entro il 1° gennaio 2022 – salvo ulteriore rinvio.

Il mercato tutelato è rappresentato dai servizi di fornitura di elettricità e gas con condizioni economiche e contrattuali definite dall’Arera per quanti non hanno scelto un venditore nel mercato libero. Qui il consumatore sceglie il venditore e il tipo di contratto, dunque l’offerta di energia e gas che ritiene più conveniente. Il passaggio dal mercato tutelato al mercato libero dell’energia è previsto, per le famiglie, dal 1° gennaio 2022.

I problemi però non mancano. Anche perché, come denuncia Federconsumatori, il mercato libero è stato spesso caratterizzato da offerte poco chiare e condotte poco trasparenti, contratti non richiesti, pratiche aggressive e prezzi tutt’altro che convenienti – alcune volte le tariffe finiscono per aumentare.