Mercoledi, 20 gennaio 2021
Regione Toscana

Indennizzi a ristoranti e bar, bando subito dopo Epifania: 15 giorni per presentare domanda

Nessun ‘click day’ e nessuna corsa dunque a presentare le domande il prima possibile, nel timore che le risorse potessero essere velocemente esaurite: il che avrebbe probabilmente favorito i più ‘smart’ e scaltri, quelli con il dito più veloce o con i commercialisti più pronti ed attrezzati. Non sarà un bando a sportello quello rivolto a ristoranti e bar che hanno patito nei fatturati le restrizioni e lockdown imposti per arginare la pandemia: un bando di cui potranno godere anche pasticcerie, imprese di catering e tutto l’universo del mondo della somministrazione, ma anche le imprese ‘del divertimento’ come i locali notturni e da ballo.

Il presidente della Toscana Eugenio Giani e l’assessore al commercio e all’economia Leonardo Marras lo chiariscono in conferenza stampa ed appena prima di entrare in giunta, dove oggi sarà discussa ed approvata la delibera, fuori sacco, di variazione al bilancio che accerta e impegna l’entrata da 19 milioni e 400 mila euro messi a disposizione negli ultimi giorni dal Governo per i ristori, propedeutica al bando della Regione che uscirà subito dopo l’Epifania.

Le risorse a disposizione consentiranno di distribuire 2500 euro, già annunciati la scorsa settimana, solo a circa 7700-7800 imprese. La giunta ha deciso di permettere di accedere al ristoro chi da gennaio a novembre del 2020 ha visto ridurre il proprio fatturato di almeno il 40 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. Le imprese che nel 2019 non c’erano ne godranno in proporzione ai mesi in cui sono state attive quest’anno, dall’avvio fino ancora a novembre. Sono 21mila i pubblici esercizi nella regione, non tutti, presumibilmente, con calo di fatturato del 40 per cento.

Perdite da lockdown: a gennaio aiuti a spettacoli viaggianti, ambulanti turistici e di fiere (Toscana Notizie)