Mercoledi, 12 agosto 2020
Regione Toscana

Musei, eventi, impianti sportivi, quali scadenze per la richiesta di rimborso?

Sono tante le richieste di chiarimento pervenute, in questi mesi, alle Associazioni Consumatori da parte di cittadini alle prese con la richiesta di rimborso di servizi di cui non hanno usufruito a causa del Coronavirus, come, ad esempio, un ticket per spettacoli, concerti, altri eventi o l’ingresso in un museo; ma anche abbonamenti o ingressi a piscine, palestre e altri impianti sportivi. Quando bisogna presentare la richiesta?

Rimborso e voucher per musei, spettacoli, eventi sportivi

Altroconsumo chiarisce che, come già previsto per spettacoli, concerti, biglietti di entrata a musei e cinema, è possibile chiedere anche il rimborso dei biglietti di eventi sportivi organizzati da associazioni e società sportive. “Chi ha acquistato i biglietti ha 30 giorni di tempo dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del decreto Rilancio (quindi entro il 19 agosto) – spiega – oppure entro 30 giorni dalla impossibilità della prestazione per eventi fino al 30 settembre 2020, per presentare richiesta di rimborso al venditore, allegando il titolo di acquisto (biglietto o ricevuta di pagamento)”.

Il venditore – prosegue – entro 30 giorni dalla presentazione della richiesta provvede all’emissione di un voucher di pari importo al titolo di acquisto, da utilizzare entro 18 mesi dall’emissione. È previsto anche che, in caso di proroghe delle limitazioni, il rimborso possa essere chiesto entro 30 giorni dall’entrata in vigore dei provvedimenti successivamente adottati.

Rimborso eventi, richieste entro il 18 agosto. Consumatori: termine troppo stretto (HelpConsumatori.it)