Lunedi, 25 maggio 2020
Regione Toscana

Coronavirus, da 31 marzo al via liquidità imprese e domande cassa integrazione in deroga

Giunta regionale al lavoro per fronteggiare l’emergenza economica innescata dall’epidemia di coronavirus e dalla chiusura forzata delle attività per ridurre il rischio di contagio.

Tra le misure deliberate oggi in giunta le più attese sono quelle che riguardano il sostegno al credito e la liquidità delle imprese e le linee guida (e dunque la possibilità di partire da subito) della cassa integrazione in deroga per i lavoratori.

Ma ci sono anche misure a sostegno delle aziende agricole, florovivaistiche e della pesca, oltre ad una semplificazione ed accelerazione sul fronte degli investimenti pubblici (infrastrutture, sanità e difesa del suolo), importantissima per sostenere la ripresa quando l’emergenza sanitaria sarà alle spalle.

Quindici in tutto sono le delibere legate all’emergenza coronavirus discusse oggi dalla giunta, molte al centro di incontri con le associazioni di categorie, banche e sindacati coordinati in questi giorni dall’assessore alla presidenza Vittorio Bugli. “La priorità oggi è quella sanitaria – sottolinea il presidente della Toscana, Enrico Rossi - ma non sarà da meno l’emergenza economica e su quella da subito la giunta si è messa al lavoro, perché il sistema toscano sia pronto a ripartire appena si potrà”. La giunta è al lavoro anche sulla rimodulazione dei fondi comunitari.