Lunedi, 22 aprile 2019
Regione Toscana

Centri antiviolenza e case rifugio per le donne, nuovi strumenti per qualificarli

Un argine più solido per contrastare la violenza sulle donne. La Toscana migliora gli strumenti per rendere ancora più strutturato e qualficato il sistema dei centri antiviolenza e delle case rifiugio e delle loro articolazioni sul territorio, concordando con tutti gli interessati nuove modalità, nuovi requisiti per l'accesso all'elenco regionale e controlli più stringenti. Lo ha fatto con una delibera, proposta dalla vice presidente e assessora alle pari opportunità, che la giunta ha approvato nei giorni scorsi e che disciplina gli adempimenti per l'iscrizione o la cancellazione.

Le nuove norme introdotte rafforzano i requisiti previsti a livello nazionale per l'iscrizione all'elenco, introducendo controlli più puntuali per verificare la serietà della preparazione degli operatori e la effettiva presenza sul territorio.