Venerdi, 20 settembre 2019
Regione Toscana

Truffe assicurative online, Ivass: aumentano in tutta Italia

La truffa assicurativa online è sempre dietro l’angolo. Da gennaio 2018 a oggi, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni (Ivass) ha segnalato circa 150 siti “fake” per un giro d’affari illegale di oltre tre milioni di euro. La promozione e la vendita di servizi assicurativi via internet sono sempre più diffuse, ma proprio per la facilità di uso e di accesso, è facile imbattersi in rete in iniziative insidiose o vere e proprie truffe. E le vittime non perdono solo i soldi. Rischiano anche la sospensione della patente, perché l’assicurazione che credono di aver fatto sul proprio veicolo in realtà è fasulla.

Si parte da una considerazione: le truffe assicurative via internet a danno dei consumatori sono in aumento in tutto il territorio nazionale. Sono realizzate attraverso siti internet di compagnie o di intermediari inesistenti, ovvero con nomi di fantasia; oppure si avvalgono di profili su blog e social network, banner e inserzioni pubblicitarie a pagamento, campagne promozionali via email che rimandano sempre a compagnie inesistenti. Altre volte invece c’è l’uso fraudolento delle credenziali di compagnie regolari. È un fenomeno che riguarda soprattutto le polizze auto e le rc auto temporanee.