Martedi, 13 novembre 2018
Regione Toscana

Servizio civile, 220 posti per il progetto "Botteghe della Salute"

Servizio civile, 220 posti per il progetto regionale "Botteghe della Salute", frutto di un accordo tra Regione e Anci (Associazione nazionale comuni italiani) Toscana, e finanziato con il POR FSE 2014-2020. Lo stabilisce una delibera presentata dall'assessore al diritto alla salute e al sociale Stefania Saccardi e approvata dalla giunta nel corso dell'ultima seduta.

Il servizio della Regione Botteghe della Salute (BdS) è nato per consentire ai cittadini che vivono in luoghi di maggior disagio (zone montane, isole e periferie delle grandi città) di accedere con più facilità alla rete di servizi pubblici (servizi sanitari, sociali e di pubblica utilità). Chiaramente il servizio si rivolge soprattutto alle fasce più deboli della popolazione, prevalentemente anziani e disabili. I giovani del servizio civile dovranno garantire un supporto all'attività di Anci nelle Botteghe della Salute, in quelle già esistenti e in quelle che verranno aperte nei luoghi di maggior disagio. Obiettivo del progetto è infatti quello di aprire 10 nuove sedi BdS, proprio grazie al potenziamento del servizio civile.