Domenica, 16 dicembre 2018
Regione Toscana

Controlli filiera agroalimentare: la relazione annuale del Ministero al Piano nazionale integrato

È stata predisposta la relazione annuale 2017 del ministero della Salute al Piano nazionale integrato (PNI) 2015-2018 relativa ai controlli ufficiali svolti nella filiera agroalimentare.

I dati confermano l’imponente attività di controllo svolta su imprese e operatori, evidenziando infrazioni riconducibili alla presenza di pericoli di varia natura: chimici, fisici, microbiologici, biologici e allergeni. Tra le criticità maggiori riscontrate nel 2017:

- l’uso di principi attivi ad azione farmacologica non autorizzati (per esempio, il Fipronil, acaricida utilizzato illegalmente) e il non corretto utilizzo di farmaci veterinari. La recente introduzione nelle norme della digitalizzazione dell’intero sistema di tracciabilità del farmaco veterinario - che include la ricetta elettronica - rappresenta un passo decisivo nel garantire la correttezza dell’utilizzo del farmaco negli allevamenti;

- il riscontro di pericoli emergenti tra i contaminanti organici, come le sostanze perfluoroalchiliche (PFAS);

- micotossine e metalli pesanti continuano a rappresentare una problematica di difficile risoluzione tra i contaminanti;

- il mancato rispetto del buono stato di conservazione degli alimenti in particolare dei prodotti ittici;

- la non conformità a criteri microbiologici di sicurezza alimentare per presenza di Escherichia coli inclusi gli STEC, Salmonella spp e Listeria monocytogenes;

- la presenza di allergeni non dichiarati negli alimenti, soprattutto soia e uova.