Giovedi, 21 giugno 2018
Regione Toscana

Sostanze chimiche, Ue: prodotti più sicuri dopo 10 anni di Reach

Dieci anni di regolamento Reach hanno garantito prodotti più sicuri per i consumatori, per l’ambiente e per i lavoratori. Meno sostanze chimiche nocive nella vita di tutti i giorni e la promozione di alternative alla sperimentazione animale. E’ quanto afferma la Commissione europea. Bruxelles propone misure per migliorare l’attuazione della normativa Reach, quella che riguarda la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche a livello europeo, entrata in vigore nel 2007.

“Negli ultimi 10 anni la principale normativa dell’UE sulle sostanze chimiche (“Reach”) ha migliorato sensibilmente la protezione della salute umana e dell’ambiente e ha promosso alternative alla sperimentazione animale”, dice la Commissione europea, che ha proposto oggi una serie di misure per agevolarne ulteriormente l’attuazione. Nel riesame del regolamento pubblicato oggi si legge che grazie al “regolamento concernente la registrazione, la valutazione, l’autorizzazione e la restrizione delle sostanze chimiche” (cioè il Reach), le imprese e le autorità dell’UE garantiscono l’impiego in sicurezza delle sostanze chimiche e la progressiva eliminazione delle sostanze pericolose”. In gioco c’è la chimica presente anche su prodotti e beni di consumo, dai giocattoli all’abbigliamento, dal settore tessile agli elettrodomestici.