Venerdi, 19 ottobre 2018
Regione Toscana

Farmaci e web, Aifa lancia campagna informativa

Il commercio illegale online di farmaci cresce del 10% all’anno e ha un giro d’affari di miliardi di euro.

Un mercato che anche nel nostro paese sta vivendo un vero e proprio boom, ma i cui rischi (per la salute in primis) sono però sottovalutati in nome della logica del prezzo e non della garanzia della legalità di un prodotto. A rilanciare l’allarme sui rischi e a mettere in campo ricette per il contrasto del fenomeno è l’Agenzia del farmaco italiana (Aifa) che ha presentato la campagna di comunicazione realizzata nell’ambito del progetto europeo ‘Fakeshare’ cofinanziato dalla commissione Ue e giunto al suo terzo anno.

La campagna prevede un breve video sui rischi derivanti dagli acquisti illegali via web e una brochure che presenta una serie di casi reali di persone morte a causa di farmaci comprati on line, da una ragazza inglese deceduta per delle pillole dimagranti a un quarantacinquenne trevigiano stroncato da un infarto dopo aver assunto Viagra brasiliano.

L'Agenzia ha rilasciato anche i numeri di una ricerca condotta su mille internauti tutti con una frequenza di connessione superiore a una volta alla settimana. Il 25% degli utenti web che acquistano online (un numero cresciuto enormemente in appena due anni e corrispondente al 2-4% della popolazione generale), ha dichiarato di aver acquistato almeno un farmaco (che molto probabilmente era illegale visto che l’Aifa ha specificato come il 99% dei farmaci che si vendono on line sono ‘fake’). Ma il dato più preoccupante “è la mancanza della percezione del rischio” visto che secondo la ricerca “il 44% ha dichiarato di vedere positivamente la possibilità di acquistare su web e soprattutto si fida” soprattutto delle informazioni che si scambiano sui social.

Logo per vendita farmaci online

Il 25 gennaio 2016 è stato pubblicato in GU il decreto del 6 luglio 2015 che ha istituito il logo che contrassegna gli esercizi online abilitati alla vendita di farmaci. “Logo Identificativo Nazionale che deve essere chiaramente visibile su ciascuna pagina del sito web della farmacia o dell’esercizio commerciale dedicata alla vendita di medicinali autorizzati alla vendita on line”.

Sul sito del Ministero della Salute è online una sezione dedicata alla vendita online di medicinali che riporta informazioni sul logo e sulle indicazioni e le garanzie che offre la sua presenza su un sito. “In generale acquistando medicinali da una farmacia o da un esercizio commerciale autorizzati e registrati, si può essere certi della massima qualità del prodotto, poiché ogni passaggio della catena di approvvigionamento è debitamente controllato. Se il venditore online, da cui si sta per effettuare l’acquisto espone il Logo Identificativo Nazionale è facile verificarne l’attendibilità: basta cliccare sul logo e si sarà rinviati al sito web del Ministero della salute dove è possibile verificare se il venditore online è registrato nell’elenco di quelli autorizzati. In caso affermativo, si può essere certi che il medicinale che si sta per acquistare proviene da una fonte legale, in quanto è autorizzata”.

Nella stessa pagina è presente l’Elenco delle farmacie e degli esercizi commerciali autorizzati e la procedura per le farmacie per la richiesta dell’autorizzazione alla vendita online.